Tra pensiero computazionale e coding

Complementarietà tra algoritmi e creatività

“Apprendere significa diventare capaci di fare previsioni” (Frith, 2007)
Il Coding è entrato nelle nostre scuole non come una materia ma come un vero e proprio linguaggio che permette di sviluppare il pensiero computazionale, che è appunto un modo di pensare trasversale a diverse discipline. Il Coding può essere, quindi, concepito come una metodologia per imparare il linguaggio di questo secolo, una nuova alfabetizzazione che non porterà tutti i bambini a diventare informatici (proprio come studiare le lingue non fa diventare tutti interpreti o traduttori), ma permetterà loro di capire gli oggetti che li circondano e che sono sempre più interconnessi (Internet of Things, Smart TV, Smartphone, Computer, Wearable) e le dinamiche della nuova era della comunicazione. Grazie alle sue diverse forme, il Coding può essere introdotto nella scuola già nella prima infanzia, per poi farsi più evoluto con il crescere dell’età degli studenti. 
 

Scarica l'allegato

#Tags: pillole teoriche

Tra pensiero computazionale e coding
Suggerimenti educativi per riconoscere le logiche della rete nell’era della datification
Tra pensiero computazionale e coding
I dati come apprendimento critico di informazioni
Tra pensiero computazionale e coding
Advertgaming e in-game advertising