sto caricando
Logo
Il sovrautilizzo generalizzato e multidimensionale
- Autore: Predefinito


Il sovrautilizzo generalizzato e multidimensionale

LICEO GINNASIO STATALE "G.B. VICO"


Il sovrautilizzo generalizzato e multidimensionale di Internet e l'utilizzo diffuso dei social media ha evidenziato problematiche comunicative che alimentano o amplificano le conflittualità tra i ragazzi e generano persino sofferenze relazionali. A partire da questa riflessione gli studenti hanno condiviso la scelta di una tematica di approfondimento che non si concentrasse solo sul bullismo e sul cyberbullismo ma che portasse concretamente a un esercizio di sensibilizzazione sull?utilizzo delle parole da scegliere con cura per ridefinire lo stile con cui stare in Rete e nel mondo reale. Gli studenti hanno "ri-letto" in senso proprio e figurato testi, film, serie cult di piattaforme digitali e hanno approfondito il tema della comunicazione online e offline soprattutto attraverso il lavoro di lettura, commento, scrittura e riscrittura di "PAROLE OSTILI ? 10 racconti", decidendo poi di sposare appieno la causa del progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza delle parole promosso dall'Associazione PAROLE O_STILI e soprattutto di declinare e applicare nella realta reale e virtuale i 10 principi del Manifesto della comunicazione non ostile, per impegnarsi a ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano facilmente in Rete. Da questo impegno convinto e condivisione piena sono nate sia le progettualità dei lavori svolti in gruppo sia i prodotti "tangibili", gli strumenti concreti che, a parere degli studenti, possono davvero aiutarci a trovare soluzioni reali al fenomeno della violenza virtuale e reale che spesso da verbale diventa psicologica e fisica, mutando forma ma non radice. Sono nate cosi un'APP NON_OSTILE ( Le parole hanno conseguenze), un RAP NON OSTILE (Gli insulti non sono argomenti), un CALENDARIO NON OSTILE (Le Challenge del Manifesto) un video di denuncia e sensibilizzazione "IO SONO LISA" sintesi dell'intero progetto... e tanto altro ancora, troppo altro segno che il problema esiste, è sotto gli occhi di tutti ed è sentito davvero il bisogno di risolverlo. Giovedì 7 febbraio, per tutta la mattina nell'Aula Magna del Liceo, gli studenti condivideranno i propri lavori e rifletteranno insieme per dimostrare nei fatti di volersi sentire davvero INSIEME contro il Bullismo, il Cyberbullismo, contro la violenza in tutte le sue forme e in tutti i luoghi: reali, virtuali, online, offline per essere davvero "Together for a better internet"




IL VADEMECUM DI GENERAZIONI CONNESSE

La guida si rivolge a genitori, insegnanti, operatori del sociale e della salute mentale, a professionisti dell’infanzia e, in generale, a tutti coloro che sono coinvolti nelle tematiche in questione o semplicemente interagiscono con il mondo giovanile e intendono acquisire maggiori strumenti conoscitivi e operativi sui rischi collegati all’utilizzo delle TIC.

Il documento è strutturato in due parti:

  • una sezione dedicata all’approfondimento - con riferimenti teorici e operativi - di alcune problematiche quali: il cyberbullismo, i siti pro-suicidio, i siti pro-anoressia e pro-bulimia, il gioco d’azzardo online, la pedopornografia online, l’adescamento online, il sexting, il commercio online, i videogiochi online e la dipendenza da Internet;
  • una sezione con i riferimenti dei servizi a cui è possibile rivolgersi a livello regionale, qualora ci si trovi a dover gestire una delle situazioni prese in considerazione.

 

 

 

KitDidattico

Scopri il nostro kit didattico composto da tre e-book interattivi per bambini, ragazzi e insegnanti, con consigli e giochi per navigare sicuri online. In particolare, l’e-book dedicato ai docenti approfondisce alcune tematiche legate all’utilizzo di Internet e nuovi media offrendo spunti di riflessione e attività didattiche per condurre laboratori con bambini e ragazzi.

 

#ChatWoman

Colei che chattava, chattava, chattava...

Il Web è un luogo meraviglioso ed è importante conoscerlo, navigarlo, passare del tempo in rete per coltivare passioni, amori o amicizie anche usando le chat… ma è importante che la vita in chat non diventi la tua vita. Continua a coltivare il tempo con gli amici, a incontrarli.

 

 

#SilverSelfie

Colui che viveva scattando

Scattare foto e postare un selfie può essere un modo per condividere con gli altri come stiamo, per fargli sapere dove siamo e cosa facciamo. Ma spesso si pensa più al condividere il momento che a viverlo realmente. Non si pensa più ad apprezzare quello che c’è attorno a noi, a sentire le emozioni che ci circondano.

Ricordiamo che oltre il Selfie... c'è di più...

 

 

#IncredibileUrl

Colui che cliccava su tutto.

L' #IncredibileURL non fa mai attenzione a quello che gira sui social. Clicca su tutti i link, condivide e commenta senza leggere il contenuto o verificare le fonti. Una volta ha seguito le istruzioni descritte in una email e... ha perso tutti i soldi che aveva sulla sua prepagata...amici, a incontrarli.

 

 

#UomoTaggo

Colui che taggava chiunque

Per l’#UomoTaggo un momento non Taggato, è un momento non vissuto.
Ogni foto, stato, video deve essere avere un Like, un cuore, un Wow…

 

 

#RagazzaVisibile

Colei che postava ogni cosa...

La #RagazzaVisibile pensava che alcune foto condivise con il proprio fidanzato rimanessero private, ma si sbagliava. Lui le inviò ad un amico fidato che le inviò ad un altro amico fidato che poi...

 

 

#Tempestata

Colei che postava senza pensare

I social ti permettono di condividere in diretta l’entusiasmo di un momento felice, i tuoi pensieri, le tue emozioni. Puoi far conoscere a tutti i tuoi amici e alle tue amiche quello che sei… Ma quando usi i social rifletti sempre su ciò che pubblichi e con chi lo condividi?

 

 

#PostatoreNero

Colui che si sentiva il più forte (online)

Il #PostatoreNero crede che tutto sia un gioco, che offendere online è un gesto che non può ferire nessuno... il postatore nero è... scoprilo nell'ultimo episodio!

 

 
La sessione scade fra
5:00