sto caricando
Logo
Sexting

Si chiama 'Sexting' l'invio di immagini o messaggi "spinti" tramite computer e telefonini. Purtroppo è un'abitudine sempre più diffusa.

Spesso è solo un modo per divertirsi, una manifestazione di fiducia o qualcosa che ti fa sentire più grande. Ma può portare a conseguenze molto gravi e difficili da gestire. Perché ogni cosa che pubblichi online o invii a qualcuno, esce fuori dal tuo controllo.
Guarda cosa è successo a Susy nella nostra webserie. Anche lei non lo avrebbe mai detto...

 

3 SEMPLICI REGOLE

  • Non inviare o condividere immagini dove sei senza vestiti o in atteggiamenti provocanti. E' troppo rischioso, non ne vale la pena.
  • Non peggiorare la situazione di chi ha fatto questo errore. Se ricevi messaggi del genere, non condividerli con nessuno, anche se in quel momento può sembrarti divertente.
  • Se un tuo amico ti racconta che online circolano sue immagini che lo ritraggono in atteggiamenti provocanti, aiutalo offrendogli un supporto e consigli. 
 

COSA RISCHI

Non puoi più tornare indietro
Hai appena pubblicato l’immagine, ti sei pentito e vuoi cancellarla? Qualcuno potrebbe averla già scaricata ed inviata ad altre persone...
Spedisci l'immagine solo a una persona di cui ti fidi, come il tuo ragazzo o la tua ragazza? E se poi litigate e per ripicca condivide le tue immagini con altri?

Potresti avere problemi in futuro
Anche dopo anni le tue immagini spinte potrebbero risbucare fuori, ed essere viste dal tuo datore di lavoro, dal tuo partner attuale, o dai tuoi nuovi amici... Non daresti una bella immagine di te, non trovi?

Diventi più vulnerabile
La condivisione di questo tipo di immagini ti espone maggiormente al rischio di diventare una vittima di cyberbullismo, ai tentativi di adescamento online  o a forme di ricatto da parte di persone che potrebbero avercela con te. Se volessero danneggiarti avrebbero un’arma in più per rovinarti la reputazione.

Puoi imbatterti in gente "strana"
Con un'immagine di te di questo tipo, magari anche sul profilo, hai maggiore probabilità di essere importunato anche da veri malintenzionati. Visita la sezione Adescamento online.

Potresti commettere un reato grave
Anche se le immagini spinte non le hai scattate tu e non le hai condivise, tenerle sul tuo pc o sul telefonino potrebbe essere considerato diffusione o detenzione di materiale pedo-pornografico.

 

ORMAI E' SUCCESSO, E ORA?

Mantieni la calma
Ragiona ma cerca di agire al più presto, così le immagini avranno meno tempo per diffondersi.

Parlane con qualcuno
Per quanto può essere imbarazzante, è importante parlare con un adulto di cui ti fidi o con amici per avere subito consiglio. Se non vuoi confrontarti con loro, possiamo aiutarti noi. Il Safer Internet Center italiano mette a tua disposizione due canali a cui puoi rivolgerti. Il primo è la linea di ascolto gratuita 1.96.96, il secondo la chat di Telefono Azzurro. Troveremo insieme a te la soluzione migliore per uscire dalla situazione che ti fa stare male. Puoi chiamare quando vuoi, la linea di ascolto è sempre attiva. Ricorda invece che la chat è attiva dal lunedì al venerdì (8-22) e sabato/domenica (8-20).

Contatta il provider (Instagram, Youtube, ad esempio)
Fallo il prima possibile, chiedendogli di togliere l'immagine. Anche se può sembrare troppo tardi, potrebbe ridurre il danno. Se le immagini si stanno diffondendo in maniera virale bisogna, nel più breve tempo possibile, comunicarlo alla polizia in modo che possa valutare quanto sta accadendo.
Con l’entrata in vigore della Legge 71/2017 hai anche la possibilità di inoltrare istanza di oscuramento, rimozione o blocco di qualsiasi dato che hai diffuso nella rete a:

  • il titolare del trattamento

  • al gestore del sito internet

  • al gestore del social media.

Se hai più di 14 anni (o se ne hai meno puoi chiedere ai tuoi genitori o tutori) puoi chiedere al
gestore del sito internet o del social network di oscurare, rimuovere o bloccare i contenuti
diffusi nella rete che ti riguardano. Se entro 24 ore il gestore non avrà provveduto, puoi chiederlo al Garante per la protezione dei dati personali compilando questa lettera modello per la
segnalazione/reclamo in materia di cyberbullismo.

 

#ChatWoman

Colei che chattava, chattava, chattava...

Il Web è un luogo meraviglioso ed è importante conoscerlo, navigarlo, passare del tempo in rete per coltivare passioni, amori o amicizie anche usando le chat… ma è importante che la vita in chat non diventi la tua vita. Continua a coltivare il tempo con gli amici, a incontrarli.

 

 

#SilverSelfie

Colui che viveva scattando

Scattare foto e postare un selfie può essere un modo per condividere con gli altri come stiamo, per fargli sapere dove siamo e cosa facciamo. Ma spesso si pensa più al condividere il momento che a viverlo realmente. Non si pensa più ad apprezzare quello che c’è attorno a noi, a sentire le emozioni che ci circondano.

Ricordiamo che oltre il Selfie... c'è di più...

 

 

#IncredibileUrl

Colui che cliccava su tutto.

L' #IncredibileURL non fa mai attenzione a quello che gira sui social. Clicca su tutti i link, condivide e commenta senza leggere il contenuto o verificare le fonti. Una volta ha seguito le istruzioni descritte in una email e... ha perso tutti i soldi che aveva sulla sua prepagata...amici, a incontrarli.

 

 

#UomoTaggo

Colui che taggava chiunque

Per l’#UomoTaggo un momento non Taggato, è un momento non vissuto.
Ogni foto, stato, video deve essere avere un Like, un cuore, un Wow…

 

 

#RagazzaVisibile

Colei che postava ogni cosa...

La #RagazzaVisibile pensava che alcune foto condivise con il proprio fidanzato rimanessero private, ma si sbagliava. Lui le inviò ad un amico fidato che le inviò ad un altro amico fidato che poi...

 

 

#Tempestata

Colei che postava senza pensare

I social ti permettono di condividere in diretta l’entusiasmo di un momento felice, i tuoi pensieri, le tue emozioni. Puoi far conoscere a tutti i tuoi amici e alle tue amiche quello che sei… Ma quando usi i social rifletti sempre su ciò che pubblichi e con chi lo condividi?

 

 

#PostatoreNero

Colui che si sentiva il più forte (online)

Il #PostatoreNero crede che tutto sia un gioco, che offendere online è un gesto che non può ferire nessuno... il postatore nero è... scoprilo nell'ultimo episodio!

 

 
News & Info
Per gli studenti, le famiglie e tutto il mondo della scuola.


La sessione scade fra
5:00