sto caricando
Logo
No Hate Speech, la Camera lancia concorso per le scuole
- Autore: Predefinito


No Hate Speech, la Camera lancia concorso per le scuole

Parte la campagna per sensibilizzare i giovani contro il fenomeno di incitamento all'odio


Il Consiglio d’Europa  ha avviato una campagna di sensibilizzazione dal titolo “No Hate Speech Movement” con l’obiettivo di combattere il razzismo e la discriminazione nelle loro espressioni online, cercando di favorire nei ragazzi/e l’adozione di comportamenti che contrastino messaggi discriminatori e ogni forma di violenza e odio.
 
Il 10 maggio 2016 è stata istituita, presso la Camera dei Deputati, la Commissione sull’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio, con il compito di condurre attività di studio e ricerca su tali tematiche, anche attraverso lo svolgimento di audizioni. La Commissione è presieduta dalla Presidente della Camera e, sul modello già sperimentato per la Commissione sui diritti e i doveri dei cittadini in Internet, include un deputato per ogni gruppo politico, rappresentanti di organizzazioni sopranazionali, di istituti di ricerca e di associazioni nonché esperti.
 
Contestualmente all'insediamento è stato lanciato anche un concorso nazionale rivolto alle scuole, per far dialogare i giovani e le Istituzioni nell’ambito di una, quanto mai attuale, campagna di sensibilizzazione nei riguardi dei discorsi di odio o incitamento all’odio. L’intento è coinvolgere le studentesse e gli studenti, rendendoli consapevoli del modo in cui la violenza e gli insulti possono essere diffusi sul web, aiutandoli a combattere questi fenomeni, favorendo un dibattito che nasca all’interno della scuola attraverso la realizzazione di progetti ad hoc, che sottolineino l’esigenza di trovare un equilibrio tra tutela della libertà d’espressione e salvaguardia dei diritti umani, anche sulla rete Internet (uno dei maggiori luoghi di istigazione all’odio).

Il concorso è rivolto alle studentesse e agli studenti e delle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado. La partecipazione può essere in forma singola, in gruppo o
come intera classe.
 
Al fine di garantire ai partecipanti la massima libertà espressiva, sarà possibile partecipare al concorso producendo un elaborato a scelta tra una delle seguenti categorie:
- Categoria testi: articoli per la stampa o per il web per un massimo di 2.500 battute;
- Categoria grafica: disegni, dipinti, opere di grafica digitale, fotografie (B/N o colore) corredate da una didascalia descrittiva dell’elaborato. I dipinti o i disegni potranno essere fotografati e inviati all’indirizzo mail dgsip.ufficio2@istruzione.it;
- Categoria prodotti multimediali: servizi radiofonici o televisivi o di web giornalismo, ovvero video o elaborati audiovisivi multimediali della durata massima di 3 minuti.
 
Nel caso l’elaborato risultasse vincitore, si richiederà successivamente l’invio della copia originale.
 
Per partecipare al concorso, gli insegnanti referenti del progetto dovranno compilare la scheda tecnica in allegato (All. A), con la descrizione del lavoro svolto (max. 600 caratteri), i dati del docente referente, degli autori o della classe e della scuola di appartenenza.
 
Gli elaborati corredati della scheda allegata, firmata dal legale rappresentante dell’istituto scolastico, dovranno essere inviati al seguente indirizzo mail dgsip.ufficio2@istruzione.it, entro il 20 febbraio 2018 indicando nell’oggetto la dicitura: “La Camera e i giovani contro i fenomeni d’odio”.
 
Il vincitore sarà premiato con una targa di riconoscimento del risultato conseguito, durante la cerimonia che si svolgerà presso la Camera dei deputati. Alla classe vincitrice,
sarà, inoltre, consegnata una selezione di pubblicazioni della Camera dei deputati.
 
Scarica il regolamento e la modulistica per partecipare: http://www.generazioniconnesse.it/site/it/no-hate/
 




IL VADEMECUM DI GENERAZIONI CONNESSE

La guida si rivolge a genitori, insegnanti, operatori del sociale e della salute mentale, a professionisti dell’infanzia e, in generale, a tutti coloro che sono coinvolti nelle tematiche in questione o semplicemente interagiscono con il mondo giovanile e intendono acquisire maggiori strumenti conoscitivi e operativi sui rischi collegati all’utilizzo delle TIC.

Il documento è strutturato in due parti:

  • una sezione dedicata all’approfondimento - con riferimenti teorici e operativi - di alcune problematiche quali: il cyberbullismo, i siti pro-suicidio, i siti pro-anoressia e pro-bulimia, il gioco d’azzardo online, la pedopornografia online, l’adescamento online, il sexting, il commercio online, i videogiochi online e la dipendenza da Internet;
  • una sezione con i riferimenti dei servizi a cui è possibile rivolgersi a livello regionale, qualora ci si trovi a dover gestire una delle situazioni prese in considerazione.

 

 

 

KitDidattico

Scopri il nostro kit didattico composto da tre e-book interattivi per bambini, ragazzi e insegnanti, con consigli e giochi per navigare sicuri online. In particolare, l’e-book dedicato ai docenti approfondisce alcune tematiche legate all’utilizzo di Internet e nuovi media offrendo spunti di riflessione e attività didattiche per condurre laboratori con bambini e ragazzi.

 

#ChatWoman

Colei che chattava, chattava, chattava...

Il Web è un luogo meraviglioso ed è importante conoscerlo, navigarlo, passare del tempo in rete per coltivare passioni, amori o amicizie anche usando le chat… ma è importante che la vita in chat non diventi la tua vita. Continua a coltivare il tempo con gli amici, a incontrarli.

 

 

#SilverSelfie

Colui che viveva scattando

Scattare foto e postare un selfie può essere un modo per condividere con gli altri come stiamo, per fargli sapere dove siamo e cosa facciamo. Ma spesso si pensa più al condividere il momento che a viverlo realmente. Non si pensa più ad apprezzare quello che c’è attorno a noi, a sentire le emozioni che ci circondano.

Ricordiamo che oltre il Selfie... c'è di più...

 

 

#IncredibileUrl

Colui che cliccava su tutto.

L' #IncredibileURL non fa mai attenzione a quello che gira sui social. Clicca su tutti i link, condivide e commenta senza leggere il contenuto o verificare le fonti. Una volta ha seguito le istruzioni descritte in una email e... ha perso tutti i soldi che aveva sulla sua prepagata...amici, a incontrarli.

 

 

#UomoTaggo

Colui che taggava chiunque

Per l’#UomoTaggo un momento non Taggato, è un momento non vissuto.
Ogni foto, stato, video deve essere avere un Like, un cuore, un Wow…

 

 

#RagazzaVisibile

Colei che postava ogni cosa...

La #RagazzaVisibile pensava che alcune foto condivise con il proprio fidanzato rimanessero private, ma si sbagliava. Lui le inviò ad un amico fidato che le inviò ad un altro amico fidato che poi...

 

 

#Tempestata

Colei che postava senza pensare

I social ti permettono di condividere in diretta l’entusiasmo di un momento felice, i tuoi pensieri, le tue emozioni. Puoi far conoscere a tutti i tuoi amici e alle tue amiche quello che sei… Ma quando usi i social rifletti sempre su ciò che pubblichi e con chi lo condividi?

 

 

#PostatoreNero

Colui che si sentiva il più forte (online)

Il #PostatoreNero crede che tutto sia un gioco, che offendere online è un gesto che non può ferire nessuno... il postatore nero è... scoprilo nell'ultimo episodio!

 

 
La sessione scade fra
5:00